Viva il pesce povero!

La palamita è un tonnetto, a tutti gli effetti, caratterizzato da striature grigio blu sul dorso. In questo periodo dell’anno è più facile ed anche più economico trovarlo nei nostri mercati. La sua carne ha un sapore un po’ meno deciso del nobile “tonno rosso” , del quale è considerata un po’ il ramo cadetto …, il suo prezzo, però. è decisamente più abbordabile e già solo questo me la rende simpatica.

pesce1

L’esemplare che vedete pesa circa 900 gr, ed è stato pescato al mercato di Val Melaina … beh, per chi non è di Roma ciò vorrà dire poco, ma credetemi, pochi luoghi al mondo sono più veraci e rumorosi di questo mercato. Quando i miei figli erano più piccoli ce li portavo per il piacere di vedergli sgranare gli occhi in quel caos di suoni, di gente e di colori. Nella gerarchia dei mercati che conosco, beh, dopo Ballarò e PortoPalo, ecco, sì, ci metto Val Melaina, che, a differenza degli altri, ha il pregio di essere dietro casa!!

In tutto ciò, comunque, mi è venuta una improvvisa voglia di fare un post sui mercati … aspettatevelo a breve!

Fatevi sfilettare e spellare la palamita dal pescivendolo

pesce2

Tagliate la polpa al coltello

pesce3

e conditela con una spruzzata di limone, un po’ di cipollotto fresco tritato, delle olive verdi dolci e una manciata di finocchietto selvatico

pesce4

Lasciate marinare in frigo per un paio d’ore e nel frattempo tagliate dei porri e dei cipollotti freschi

pesce5

preparate una panatura aromatica con del pane grattugiato, sale, pepe, misto di erbe (usate quelle che avete, andranno benissimo, ma se volete un consiglio … semi di finocchio, prezzemolo, rosmarino, timo, origano … come fate, fate bene)

pesce6

cospargete abbondantemente i porri e i cipollotti con la panatura e condite con olio d’oliva.

Infornate per circa 40 minuti dando un colpetto finale di grill

7 (1)

Servite la tartare di palamita con i porri e i cipollotti gratinati, guarnendo con scorzette di limone e qualche anello di porro crudo.

8 (1)E buon appetito!

Alla prossima!

Claudia

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+Email to someonePin on Pinterest

Una risposta a “Viva il pesce povero!”

  1. Deborah Ciardo

    Ciao Claudia. Bitti has told me much about you. Great recipe. Whenever I see tuna tartar on a menu, that’s what I order. I had an awesome one with fresh mango and red chili flakes. Another in little tuiles made of ginger (Wolfgang Puck’s restaurant, the Source, in DC) Love to talk more with you. Debbie

    Rispondi

Lascia un commento