Laura Pausini, Gabo non muore

marquez

Laura Pausini, che conosco da molti anni e con la quale ho un rapporto di stima e affetto, mi ha regalato questo bellissimo ricordo del grande scrittore e poeta Gabriel Garcìa Màrquez, scomparso ieri.

Grazie mille Laura.

 

Cent’anni di solitudine… La solitudine. Io questa parola l’ho vissuta e la vivo con mille inquietudini. E mille curiosità. Non posso certo mettere in paragone la mia piccola realtà con la grandiosità dello scrittore più poetico del mondo. Ma oggi, che da poche ore ci ha lasciati, penso che Garcia Márquez detto Gabo, sia stato fondamentale nella mia vita accompagnandola. Da sempre con quel libro. Era il mio preferito. Lo è.

Gabo non muore. Ci sono colori e profumi, essenze e poesia nell’aria che respiriamo nelle quali lui vivrà per sempre. Ciao grande poeta!

Laura Pausini

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+Email to someonePin on Pinterest

5 risposte a “Laura Pausini, Gabo non muore”

  1. Milly

    La solitudine, quella che tu hai cantato e che, per assurdo, ti ha resa quella che sei oggi.
    La solitudine è tristezza, ma spesso anche semplicemente libertà.
    Tutti ne hanno bisogno per conoscersi davvero.

    Rispondi
  2. Francesca Maltese

    La solitudine è un momento.
    O forse è uno stato d’animo che ci accompagna per tutta la vita.
    Non per renderci tristi, ma per farci capire chi siamo.

    Rispondi
  3. patrizia

    Sei la mejo! Ora, dopo la Pausini aspettiamo il commento di Giorgia!

    Rispondi
    • Elisabetta

      Grazie Pat! Sono felice che Laura abbia scelto me per dare il suo addio a un grandissimo poeta come Marquez! E grazie davvero per il bel lancio Ansa!!!! :))))

      Rispondi
  4. Milly Abrusci

    La solitudine, quella che tu hai cantato e che, per assurdo, ti ha resa quella che sei oggi.
    La solitudine è tristezza, ma spesso anche semplicemente libertà.
    Tutti ne hanno bisogno per conoscersi davvero.

    Rispondi

Lascia un commento