Carpe diem

robin williams

Carpe diem: cogli l’attimo. Nell’indimenticabile film di Peter Weir L’attimo fuggente, Robin Williams, nei panni del professor John Keating, citando Orazio cercava di insegnare ai suoi alunni a ragionare con la propria testa, a farsi delle domande, a non permettere di essere travolti dagli eventi, a vivere ogni momento della vita, fino alla fine. “Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino. Leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana e la razza umana è piena di passione”, diceva ai suoi ragazzi. E citando Wat Whitman, cercava di far loro capire che “il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuire con un verso”….Ma lui non ce l’ha fatta.

Ed è surreale. Sì, è assurdo che non ci sia più. E non perché sconfitto da una malattia o perché vittima di un incidente mortale. Robin Williams non c’è più perché si è tolto la vita. Quella vita in gran parte dedicata agli altri facendo beneficenza, ma soprattutto regalandoci storie e personaggi che ci hanno insegnato – o ricordato – quanto in questo nostro breve percorso sul Pianeta contino le cose davvero importanti. Amicizia, rispetto, compassione, generosità, passione.

Sembra assurdo, ma Robin Williams-Mork-Popeye-Peter Pan-Mrs.Doubtfire soffriva da tempo di depressione.

patch

Sembra assurdo, ma Robin-Patch Adams era in riabilitazione per abuso di alcol. Non ci si può credere, ma in questo film vestiva i panni di un aspirante suicida…. William è Hunter Adams detto Patch, realmente esistito, che reagisce alla depressione internandosi in un ospedale psichiatrico dove poi, tramite un paziente, imparerà a “vedere oltre”, e darà vita alla clown-terapia. 

Sembra assurdo, ma in Will Hunting Robin è lo psicologo Sean McGuire che aiuta Matt Damon-Will Hunting a relazionarsi con il mondo. Per questo ruolo William riceverà un Oscar come migliore attore non protagonista. Ma la vita è un’altra cosa….

Grazie Mork, tutto il mondo ti piange.

Ti ameremo per sempre

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+Email to someonePin on Pinterest

2 risposte a “Carpe diem”

  1. Mariadora

    Sono così dispiaciuta ed incredula 🙁
    La vita è proprio un’altra cosa…

    Rispondi
  2. Mago Tegolino

    ciao Elisabetta, eccomi di nuovo qui, spero che ti faccia piacer il mio commento… Vorrei dir due parole a riguardo di Robin Wiliam, per me è stato e sarà sempre uno dei più bravi attori americani, con un talento che non si è mai visto, una genialità e umiltà che non ho mai visto in altri attori. Una versatilità artistica fenomenale e mi è sempre piaciuto come attore, ho visto quasi tutti i suoi film! però sinceramente non capisco il perché si era dato sia all’alcool che alle droghe, questa risposta non l’avremo mai, purtroppo e forse qualcosa o qualcuno lo ha fatto soffrir pesantemente e da li non è mai più riuscito a tirarsi fuori. So solo che ci mancherà a noi tutti e cercar di ricordarlo sempre, perché così non morirà mai! buona serata Elisabetta!

    Rispondi

Lascia un commento